USAvsURSS

Con questo progetto, torniamo nel mondo delle comiche, anche per sperimentare un cine concerto con una formazione strumentale nuova cambiando la sezione ritmica: senza pianoforte e basso acustico, sostituiti da chitarra e basso tuba, così da offrire una sonorità decisamente poco abituale per le musiche di accompagnamento al cinema muto.

L’idea nasce poi anche dal voler affrontare un “mostro sacro” come Buster Keaton, con l’opportunità di confrontarlo con la comicità russa del corto di Vsevolod Pudovkin La febbre degli scacchi” del 1925. La scelta riguardante Keaton si è orientata verso due fra i suoi corti in assoluto più famosi ed appartenenti al cosiddetto “periodo d’oro”, ovvero “Il capro espiatorio” (The goat) e “Il teatro” (The playhouse), entrambe del 1921.

L'orchestra

Il teatro

Nel primo, Buster viene scambiato per un assassino e dovrà lottare duramente per sfuggire al capo della polizia, che è anche il padre della bella Virginia, la sua fidanzata. Ne “Il teatro” Keaton sperimentò la tecnica della sovraimpressione, girando i primi sei minuti del film tutto da solo, “moltiplicando” se stesso per mostrare un’orchestra, dei ballerini ed il pubblico in sala.

Nato per celebrare il primo Torneo Internazionale di Scacchi di Mosca del 1925, il corto di Pudovkin si rivela un’altra vera chicca, poiché riassume in meno di venti minuti tutte le tecniche di avanguardia della cinematografia sovietica degli anni venti, con il solo scopo di divertire lo spettatore. Per ulteriori dettagli in merito a questi tre film, vi rimando alle schede linkate qua sotto.

Il capro espiatorio

La febbre degli scacchi

Il teatro

La febbre degli scacchi - scena 1

La febbre degli scacchi

ESECUZIONI DAL VIVO:

Ivan Marini C-melody s, ss, fl – Fabrizio Carlin tb – Michele Kettmaier tu – Claudio Lombardi g

28 settembre 2018 – Social Stone – Trento